ricerca sul coloboma

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

ricerca sul coloboma

Messaggio  faruk il Dom Giu 28, 2009 7:48 pm

Ho trovato questo articolo riguardante un gene, scoperto in Spagna, responsabile della formazione della retina.

http://www.andaluciainvestiga.com/espanol/noticias/4/8375.asp

http://www.andaluciainvestiga.com/espanol/noticias/4/8375.asp

Ho provato a tradurlo dallo spagnolo con un traduttore automatico, non è perfetto ma si capisce abbastanza bene
-------------------------------------------------------------------------------------------------------

Il lavoro, sviluppato di forma unita per il Centro Andaluso di Biologia dello Sviluppo e l'European Molecolare Biology Laboratory (Heidelberg), vincola un gene proprio dei vertebrati con la formazione dell'occhio. Per questo studio si è usato il pesce medaka, un modello in espansione in investigazione genetica in vertebrati.

J. García Orta

L'investigatore Juan Martínez lavora con pesci medaka
Un errore genetico durante lo sviluppo embrional può deviare in cui una persona nasca con alcuni malformazioni. Una delle più conosciute ed estese, il labbro leporino, si deve ad una fusione incompleta delle cellule epiteliali che danno origine al labbro superiore. Il coloboma dell'iride, per fare un altro esempio, si descrive come una piccola fessura in questa zona dell'occhio, poiché, durante il suo sviluppo, non si è formato correttamente.

Capire, pertanto, i meccanismi implicati nell'architettura dei tessuti, in come la materia si organizza per acquisire la sua forma, è chiave per approfondire l'eziologia di molte di queste malformazioni congenite. Dal Centro Andaluso di Biologia dello Sviluppo (CABD), l'investigatore Juan Ramón Martínez Morali ha ceduto un passo in questa tematica, riferendo un nuovo gene, battezzato come ojoplano (opo), col plegamiento di tessuti epiteliali. Un processo importante nella formazione della maggioranza degli organi.

A causa dei risultati ottenuti, editi recentemente nella rivista scientifico Development, l'investigazione conclude che ojoplano è un gene specifico dei vertebrati, con una carta fondamentale nel momento di controllare il modo nel quale i tessuti acquisiscono la sua forma finale. Il lavoro ha preso come modello i pesci medaka, Oryzias latipes, e si è incentrato nell'analisi del caso specifico dell'occhio. Per ciò, questo scienziato ha collaborato strettamente col gruppo tedesco diretto per Joachim Wittbrodt nell'European Molecolare Biology Laboratory (Heidelberg)

In concreto, in mutanti per ojoplano, il plegamiento del tessuto epiteliale che dà luogo alla retina non arriva a succedere. Al contrario, l'epitelio cresce dando luogo ad una retina piana che non riesce ad adottare la forma arrotondata caratteristica. "Attraverso tecniche come la microscopia confocal avanzato, siamo stati capaci di osservare in vivo come l'epitelio non arriva ad adottare la sua forma arrotondata caratteristica, quella che conferisce funzione visuale all'organo", commenta l'investigatore del CABD.

Problemi nell'adesione

Secondo lo studio, il gene ojoplano codifica una proteina che è localizzata in membrane interne di trasporto delle cellule. "Quando uno ha una proteina ignorata di questo tipo è abbastanza difficile attribuirgli una funzione, ma attraverso tecniche di analisi indirette siamo giunti alla conclusione che servirebbe come una specie di polizia di traffico cellulare, controllando il trasporto di altre proteine", mira Juan Martínez.

In questo senso, il gene opo ha come obiettivo finale controllare la localizzazione di certe proteine, concretamente, i riceventi tipo integrina, che facilitano l'adesione del tessuto ad una fine cappa, situata nella zona di base di tutti gli epiteli, conoscente come piastra basale.



Una funzione molto importante, dato che senza questi ancoraggi non si trasmetterebbero la tensiónes che dirigono il plegamiento dell'occhio alla piastra basale, e non si prodursi le contrazioni necessarie affinché il tessuto adotti la sua forma finale. "Uno ha bisogno di questi punti di ancoraggio affinché il macchinario che genera la tensione sia capace di tirare del tessuto epiteliale piegandolo", afferma l'investigatore.

Per Juan Martínez, lo studio di geni come ojoplano è importante, oltre a per capire i fondamenti di molte malattie congenite, per la sua possibile applicazione a terapie dirette a malattie in adulti, tali come il cancro. Come succede con la retina embrionale, l'architettura di tessuti segue operando nell'organismo dell'individuo adulto, come nei tessuti che conformano la rete vascolare, in costante ristrutturazione. "Se uno interviene nella formazione della rete di bicchieri sanguinei che alimenta un tumore in progressione, può intercettarsi la sua crescita", conclude l'investigatore.

faruk

Messaggi : 14
Data d'iscrizione : 18.01.09

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permesso di questo forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum